Dalle 9 alle 19 Lun-Ven

Via Cigna 15

10155 Torino

+39 011/43.68.068

Agevolazioni fiscali ristrutturazioni edilizie 2017, a chi spettano

Agevolazioni fiscali ristrutturazioni edilizie 2017, a chi spettano

Per le ristrutturazioni edilizie è possibile beneficiare di agevolazioni fiscali. Chi esegue lavori sul proprio immobile da ristrutturare ha diritto a una detrazione Irpef del 50%, con un tetto massimo di spesa di 96.000 euro, fino al 31 dicembre 2017. A partire dal 1° gennaio 2018 il beneficio tornerà nella misura del 36%. Ma chi sono i beneficiari?

I beneficiari

Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato.

L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili, ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese:

proprietari o nudi proprietari;
titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
locatari o comodatari;
soci di cooperative divise e indivise;
imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce;
soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.
Hanno diritto alla detrazione, inoltre, purché sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture:

il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (il coniuge, il componente dell’unione civile, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado);
il coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;
il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato, per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016.
In questi casi, ferme restando le altre condizioni, la detrazione spetta anche se le abilitazioni comunali sono intestate al proprietario dell’immobile.

Nel caso di due comproprietari di un immobile, se la fattura e il bonifico sono intestati a uno solo di essi, ma le spese di ristrutturazione sono state sostenute da entrambi, la detrazione spetta anche al soggetto che non è stato indicato nei predetti documenti, a condizione che nella fattura sia annotata la percentuale di spesa da quest’ultimo sostenuta.

Se è stato stipulato un contratto preliminare di vendita di una casa (compromesso), l’acquirente dell’immobile ha diritto all’agevolazione se:

è stato immesso nel possesso dell’immobile;
esegue gli interventi a proprio carico;
è stato registrato il compromesso.
Può richiedere la detrazione anche chi esegue in proprio i lavori sull’immobile, limitatamente alle spese di acquisto dei materiali utilizzati.

La guida aggiornata

Il 14 giugno 2017 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida aggiornata sulle agevolazioni fiscali relative alle ristrutturazioni edilizie.

Fonte: Idealista/News
https://www.idealista.it/news/finanza/casa/2017/06/22/123324-agevolazioni-fiscali-ristrutturazioni-edilizie-2017-a-chi-spettano

img

Studio Cigna

Articoli correlati

Fondo garanzia prima casa, come funziona

Nel momento in cui ci si trova ad acquistare la prima casa e i costi dei mutui appaiono troppo...

Leggi
di Studio Cigna

Fondo garanzia mutui prima casa 2017, le condizioni per richiederlo

Al fine di favorire l’accesso al credito da parte delle famiglie per l’acquisto e...

Leggi
di Studio Cigna

Bonus prima casa: non conta solo la categoria catastale, ma anche la zona

Per poter ottenere l’agevolazione fiscale per l’acquisto della prima casa è necessario che...

Leggi
di Studio Cigna

Unisciti alla discussione